IONELSE IL FANTASMA: eBOOK n.10 di NEOBAR

ionelse_by_postmodernside-d56oqfu

Disegno di Elio Copetti per Ionelse il Fantasma

CLICCA SULL’IMMAGINE

V
passavo così, inosservato a
me stesso.
Mi sono così, scordato
d’esistere, di respirare.
C’era dinanzi a me uno strato
di colori frementi
non capivo più le persone.
Camminavo senza sapere
l’esatta stabilità delle
mie gambe.
Ho dimenticato
i passi.
Le parole da scrivere –
perché dovevo scriverle.
Perché,
Ionelse mia,
io debbo scrivere poesie?
Cos’ho,
Ionelse mia,
da dire fino a urlare?
La poesia, fantasma,
mica mi aiuterà a spezzarmi come voglio!
Mi aiuterà?
 
Io quando camminavo
non lo sapevo.
Per alcuni pacati istanti
non ho saputo più niente!
E ho per questo sofferto.
 
1981

ESTERNI CON INTERNI

scomparsa

                                      IPOTESI – foto maurizio manzo 2017 –

Su Neobar: CLICCA SU L’IMMAGINE

Rolando guardava meravigliato le scintille che sfavillavano da quelle congiunzioni; per un attimo gli sembrò di conoscere quei poliziotti e per gentilezza, quando lo afferrarono per portarlo via, si fece leggero.

DIREZIONI

fili e pali - foto maurizio manzo - 1989 -

fili e pali – foto maurizio manzo – 1989 –

Ci sono i binari e ora sono un binario

vado sempre diritto fino in fondo in fondo

ferro che sfrega su ferro e rumore di ossa

l’attrito chiassoso assorda il cielo compreso

di nuvole che non vedo eppure al mio inizio

ero lucido e lo specchiavo come il mare.