ZOMBIE

signore perdona i morti
perché non sanno più cosa dicono
e non sanno che sono muti
non più preda di mutui a vita
concedi più luce anche di notte
attenua le correnti dei fondali marini
insegnagli a camminare sull’acqua
come gli zombie di Romero
così che ci sembri che non anneghi
nessuno che non fosse già morto
e che non muoia nessuno
che sembri ancora vivo

c’è più di qualcosa

Edvard Munch

c’è più di qualcosa
che somiglia al mondo
che si siede sulla sponda
del fiume e guarda il suo nemico
che scema in balia del fiume
non ci tormenta per niente
anche se a pensarci non abbiamo
nemici per cui sederci e aspettare
non abbiamo motivi e bandiere
abbastanza logore da desiderare
cadaveri a cui sorridere
ma ci si spegne la mente
il senso del tatto che ci individua
l’individuo che ci abita.

ANCHE SU NEOBAR: CLICCA QUI

ASSISTENZIALI – 8 –

********
 
Brucianti le gocce di mare
schizzano i tuoi occhi
che strizzi mentre stringi
più forte i denti
senti stridere smalto e carne
e non dal buio
subbuglio arriva il terrore
ma dalla luce
rivelatrice
istrice della tua sorte
cortese linea d’ombra
capitombola
bambola e speranza
su una riva torva.