MIRATE

AP Photo/Bernat Armangue

 

Grappolata di giorno

si poteva vedere intelligente brillare

afferrare la carne consumare le grida riportare il silenzio

come un senso inudito

che passeggia e scompare nel colore svanito

a sentirla sul corpo

non restava alcun scampo solo il crampo a metà

i ricordi incagliati sul più bello tra luce che dilegua alla svelta

e quel buio disteso

che non spiega e rivela mentre un caldo momento irrompe

non corrompe ma rompe

e sfarina ogni tratto triturato sul balzo

quando scalzo correvi da bambino t’immaginavi un fondale

dove stare e guardare.

 

17 agosto 2012

eBook n 11 Neobar: Mirate

 

7 thoughts on “MIRATE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...