Da Il Recinto di Mare – 3 –

3
Arenato tra teste
peste e risucchi
d’orecchi
teste con ancora la lingua
ma che non canta
lontano
non ha
mai potuto cantare
smorfia atterrita
tra un fumo paludoso
odoroso gorgheggiano.
 
La barca
si muove a stento
chino sulla dritta
fitta marea di corpi
s’incaglia
maglia tra le braccia
acciaio che sfredda
le guance
pance che affiorano
e ti si accostano
sostano sotto gli occhi.
 
Recedo e uno stridore
di denti
che raschia sulla chiglia
ciglia spezzate
zattere inutili
mare assorbito.
 
 

2 thoughts on “Da Il Recinto di Mare – 3 –

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...